• English
  • Ελληνικά
  • Deutsch
  • Français
  • Italiano
  • Nederlands
  • Русский

Creta

Nonostante le sue dimensioni ridotte, l'isola di Creta fu la culla di una delle più importanti civiltà del mondo antico, la civiltà minoica. Patria del leggendario re Minosse e del celebre Minotauro, il mitico mostro rinchiuso nel labirinto del palazzo di Cnosso, quest'isola ha dato i natali al grande pittore El Greco. Nota per le sue inestinguibili 'vendette familiari', è ritornata alla ribalta negli anni '80 per il particolare costume tradizionale degli uomini - pantaloni larghi infilati in stivali alti - tornato alla moda con il movimento neoromantico.
Raccontata da Omero, profumata dagli aromi di finocchio e basilico, ricca di innumerevoli bellezze naturali e lunghe spiagge di sabbia finissima, l'isola più estesa della Grecia riceve un quarto dei turisti che visitano questo paese. Molti visitatori si fermano nella zona settentrionale, che gode di una sviluppata industria turistica, ma è ancora possibile trovare luoghi più appartati e tranquilli nelle regioni occidentali e sulle coste meridionali, oltre che sulle catene montuose dell'interno.
I periodi dell’anno più indicati per visitare Creta sono la primavera inoltrata, l’inizio dell’estate e l’autunno, momenti in cui le infrastrutture turistiche sono già in funzione ma non ancora sovraffollate. In questi periodi dell’anno il clima è mite, le giornate sono calde senza essere afose e il mare è caldo e limpidissimo.

Feste e manifestazioni
In Grecia il calendario delle manifestazioni e degli eventi è molto ricco e variegato. Ogni estate a Creta si susseguono le feste enologiche e culturali, e ogni paese dedica un giorno al suo santo patrono. Tra le più importanti manifestazioni culturali citiamo a Rethymno il Festival Rinascimentale, a Ierapetra il Kyrveia, a Sitia il Kornareia, a Iraklio il festival estivo delle arti e il Lato a Agios Nikolas.

Pasqua è una festività religiosa molto importante in tutta la Grecia. Se vi riuscite, cercate di assistere a una cerimonia della Domenica delle Palme, che termina con fuochi d’artificio e una processione a lume di candela. Altre manifestazioni importanti sono: l’Epifania (6 gennaio), il Giorno dell’Indipendenza (25 marzo), il 1° maggio, eletto dai cretesi giorno del picnic, la Battaglia di Creta (ultima settimana di maggio), e l’Assunzione (15 agosto), che in genere si trascorre in famiglia

Iraklio
Iraklio è la più grande città di Creta e il più importante scalo passeggeri dell’isola. Molti visitatori la considerano solo un passaggio obbligato per raggiungere mete turistiche più accoglienti, ma superato il primo impatto con il traffico pesante e con la confusione troverete un centro urbano dotato di una certa raffinatezza e numerosi caffè con un’atmosfera piacevole e vivace.

Le due piazze più importanti di Iraklio sono Plateia Venizelou e Plateia Eleftherias. In Plateia Venizelou, riconoscibile dalla sua famosa Fontana Morosini (più conosciuta come la Fontana del Leone), situata nel cuore della città, ci si

può familiarizzare con l’assetto urbano di Iraklio. A sud della piazza è situato l’incrocio più importante della città, da cui si diramano le maggiori arterie dirette a nord-est verso il porto, a sud-est verso Plateia Eleftherias, a ovest verso la porta di Hania e a sud verso i mercati.
Durante la vostra permanenza a Iraklio sono d’obbligo le visite al Museo Archeologico, di notevole rilievo storico e secondo per importanza solo al Museo Nazionale di Atene e al Museo Storico di Creta (dove sono esposte ricche testimonianze di Creta sotto la dominazione veneziana), alle mura fortificate della città, alla fortezza di Rocca al Mare e, naturalmente, alla Plateia Venizelou e la sua famosa fontana dei leoni.
Segnaliamo inoltre, nelle vicinanze di Plateia Venizelou, il Parco El Greco, il punto verde del tentacolare centro urbano di Iraklio. In questa zona troverete camere abbastanza a buon mercato e diversi ristoranti e caffè di qualità. A sud della piazza, dopo Piazza del Leone, si trova via Dedalou nella zona di Korai, quartiere rinomato per i suoi caffè. Anche se in via Dedalou il caffè è piuttosto costoso, l’ambiente frizzante e dinamico dei locali è in puro stile ‘irakliano’.

Palazzo di Cnosso
Questo palazzo, situato a sud-est di Iraklio in una bellissima zona, è il più fantastico, complesso e evocativo dei siti minoici di Creta. Per dare ai visitatori un’idea di come fosse nel periodo minoico, Sir Arthur Evans, l’archeologo che lo portò alla luce, l’ha in parte ricostruito.

Copie di affreschi collocate in modo suggestivo aiutano il visitatore a ritrovare lo straordinario spirito artistico di questo sito. Se arrivate presto al mattino riuscirete a visitare la Sala del Trono, con il suo trono semplice ma meravigliosamente proporzionato, prima dell’arrivo dei gruppi.
Ogni dieci minuti, la linea locale di autobus n. 2 percorre i 5 km che separano Cnosso dall’autostazione A. Contate una visita di circa quattro ore per poter apprezzare appieno il valore del luogo.
Hania
Hania è un piccolo gioiello greco. Questa città, la più grande della parte occidentale dell’isola, ricchissima di edifici turchi e veneziani, ornata di belle casette lungo lo scenografico porto, con chiese dalla cupola a cipolla e stradine acciottolate, è la terra promessa dei fotografi e dei cacciatori di immagini. Dall’appassionato a caccia dell’autentica atmosfera greca al turista alla ricerca di scorci tipici, tutti prima o poi si trovano sulla piazza principale di Hania a guardare attraverso uno dei cannocchiali panoramici. Se poi al fascino fotogenico e misterioso della città aggiungete la vivacità dei bei mercati e una fantastica cultura gastronomica, capirete perché la maggior parte dei visitatori aggiunge questa città nei programmi di visita.

A Hania vi sono diversi musei di interesse, tra i quali il Museo Archeologico, il Museo Navale e il Museo del Folklore. Il Mercato Pubblico, un edificio dell’inizio del secolo, accoglie diversi negozi, banchi di frutta e verdura, macellerie, un mercato del pesce e diversi altri negozi alimentari. Date anche un’occhiata ai Giardini Pubblici, situati proprio accanto al mercato. Ma l’asso nella manica di Hania è la sua posizione e la sua architettura. Se desiderate fare un tuffo nella storia visitate il quartiere veneziano della città con le sue massicce mura e il faro costruito anch’esso dai veneziani.
Da Plateia 1866, la piazza principale di Hania, dirigetevi verso nord per trovare, dopo pochi minuti il Porto Veneziano e una passeggiata che segue la curva semicircolare del porto. La strada piega poi verso la fortezza e il capo.


Sulla sinistra guardando il porto si estende la zona degli alberghi. Il capo separa il Porto Veneziano dalla affollata spiaggia cittadina situata nel quartiere chiamato il Nea Hora. Vicino al porto, Zambeliou, un tempo la più importante arteria di Hania, è ora una via sinuosa su cui si affacciano negozi di artigianato, alberghi e taverne. Molte delle ville veneziane che si estendono lungo il magnifico porto sono state restaurate e convertite in domatia, ristoranti, caffè e negozi.
Da Atene potete raggiungere Hania in aereo con uno dei numerosi voli nazionali oppure prendere un traghetto dal Pireo, o ancora un autobus da Iraklio. Dalla capitale partono autobus ogni 30 minuti e il viaggio dura circa due ore e mezzo.

 

Gola di Samaria
Molti visitatori dedicano una intera giornata all'escursione nelle suggestive Gole di Samaria, una stretta valle lunga 18 km che conduce ad Agia Roumeli, sulla costa sudoccidentale. Ai Cancelli di Ferro la valle si stringe in una gola di 3,50 m di larghezza. In primavera, le gole si ricoprono di una incredibile quantità di fiori.

Un po’ oltre, lungo la costa meridionale, il cui terreno ripido non permette la costruzione di grandi centri abitati, si trovano i villaggi di Loutro e Hora Sfakion raggiungibili in barca da Agia Roumeli.
Il passaggio delle gole è permesso dalle 6 alle 15, dall’inizio di maggio a metà ottobre a seconda del livello dell’acqua. Moltissime agenzie di ogni città e villaggio turistico di Creta propongono escursioni di lunga durata o brevi passeggiate alla Gola di Samaria

Paleohora
Questo paese, situato sulla costa sudoccidentale di Creta, diede rifugio a numerose comunità di hippy negli anni Sessanta e da allora, anche se ha perso le sue caratteristiche di tranquillo villaggio di pescatori, rimane comunque uno dei luoghi di relax preferiti dai viaggiatori con zaino in spalla. Durante le sere d’estate la via principale viene chiusa al traffico e le tavernas (ristoranti tradizionali) allestiscono le terrazze sulla strada. Raggiungibile via mare da Paleohora, l’isoletta Elafonisi ha una delle più belle spiagge sabbiose di Creta. Per Paleohora, fanno servizio da Hania tre autobus giornalieri in estate, due in inverno. Inoltre in estate vi sono traghetti giornalieri da Hora Sfakion.

Altopiano di Lassithi
Quando si vede per la prima volta l’Altopiano di Lassithi, immenso patchwork naturale, si rimane senza fiato. Vasti appezzamenti di peri e meli, distese di mandorli e campi coltivati dove sono disseminati più di 7000 mulini a vento, di cui molti purtroppo non più in uso. Il luogo più illustre dell’altopiano è la Grotta di Dikteon, dove secondo Esiodo Zeus, appena nato, fu nascosto dalla madre Rea affinché non fosse divorato dal padre Crono. La strada che dall’altopiano scende verso la costa è ideale per le escursioni in bicicletta.

Si può raggiungere Agios Nikolas, uno dei centri principali dell’Altopiano di Lasithi, sia da Tzermiado (dove fanno servizio due autobus giornalieri, uno il mattino e uno il pomeriggio, in partenza ogni lunedì, mercoledì e venerdì) sia da Iraklio (da dove partono due autobus giornalieri).

 

Zakros
Situato nella regione orientale di Creta, Zakros è un villaggio vivace con caffè molto animati, frequentati più da gente locale che dai turisti. Potrete abbinare la visita al vicino Palazzo di Zakros (e all'interessante sito minoico di Kato Zakros) a un pomeriggio sulla lunga e poco frequentata spiaggia sabbiosa. La strada migliore per raggiungere il sito archeologico e la spiaggia è quella delle spettacolari Gole di Zakros.

Si può raggiungere Zakros da Sitia con uno dei due autobus giornalieri. In estate gli autobus continuano per Kato Zakros.

CULTURA
I reperti più significativi dell’arte cretese provengono dall’epoca minoica: urne, vasellame, statue, gioielli e affreschi, scoperti durante le numerose operazioni di scavo sull’isola. A questi inestimabili tesori si aggiunge il famoso Disco di Phaestos, una tavoletta circolare di argilla di 16 cm di diametro su cui sono incisi dei geroglifici che restano ancora oggi indecifrati.

Oltre a possedere espressioni musicali e artistiche proprie, Creta ha assorbito le tradizioni della musica e delle danze greche, una delle quali, il syrtos, è spesso rappresentata sui vasi greci. Oltre alle danze greche, i cretesi ballano la pendozallis, in cui si dispongono tutti in circolo e gli uomini saltano ad un ritmo più veloce di quello della musica. Tra le altre danze tradizionali cretesi vi sono il kastrinos, il maleviziotikos e la sousta. Gli strumenti musicali sono generalmente gli stessi usati nella musica greca. Le rizitika, le canzoni tradizionali, sono la forma di espressione musicale più diffusa a Creta.

I cretesi moderni sono il risultato di innumerevoli invasioni e dell’incontro di numerose popolazioni: dorici, egizi, bizantini, arabi, veneziani, turchi. Alcuni tratti nel carattere del popolo cretese, tuttavia, vanno al di là di ogni genealogia: orgogliosi, patriottici, allegri, ospitali e religiosi, i cretesi sono spesso considerati il popolo greco per antonomasia. Malgrado le incursioni stagionali dei turisti, gli abitanti dell'isola sono riusciti a preservare uno stile di vita tradizionale. La religione minoica, essenzialmente politeistica, era matriarcale e ancora oggi i cretesi sentono un profondo attaccamento alla Vergine.

Le specialità gastronomiche cretesi non sono molto diverse da quelle greche: una dieta mediterranea con ingredienti semplici e poco raffinati. A Creta mangiare al ristorante fa parte dello stile di vita, ma i locali dell’isola possono a volte essere piuttosto mediocri. Se riuscite a scovare un locale che ha clienti cretesi potrete andare a colpo sicuro: avrete trovato la migliore taverna del luogo.

Share this: